A Pietro Mennea

Un ragazzo correva dietro le auto per allenarsi, non era ricco né era baciato dalla fortuna. Aveva un carattere sanguigno e tenace. Mai si arrese, mai tornò indietro, non si fece intimidire dai sacrifici e dal lavoro, non evitò di esprimere forti critiche a organi che non avrebbe dovuto inimicarsi. L’uomo si valuta anche dalla capacita di opporsi ai tumori innominabili. Sacrificio, lavoro, ancora lavoro e sacrificio. Record dopo record, medaglia dopo medaglia, metro dopo metro: questa è stata la sua vita. Una laurea non gli bastava, alla fine ne prese cinque. Curioso, irrequieto, gentile e rispettoso, tutte qualità in un solo uomo. No, Muhammad Ali, Pietro non era nero di pelle, però lo era dentro, più nero della peridotite, più profondo del mantello. Tutto scorre e passa, ma il suo ricordo resterà perché un bambino non dimentica ciò che lo ha emozionato e quel bambino sono io.



Categorie:Poesia

Tag:, , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: