A Hölderlin

Immerso nei pensieri,

Nei sepolcri oscuri

Di un’eco lontana,

Non riconoscesti Goethe.

Ma lui riconobbe

In te, Hölderlin,

Il lampo profondo del genio;

Dalla pazzia non ancora turbato.

Hegel ti fu compagno

E contemporaneo ti fu Novalis.

La Germania dei grandi spiriti

Cavalcava la tempesta e l’impeto.

Perché provare Scham?

Vergognarti non dovevi,

Perché la pazzia ti regalò

La dissoluzione del presente,

Che tu tanto cercavi.



Categorie:Poesia

Tag:, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: