Anonimo – Storia della tiara bianca

Come fece la tiara bianca ad arrivare da Roma fino a Novgorod, in Russia, passando da Costantinopoli? Ecco, in questo libro, scritto presumibilmente tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento, così come viene spiegato nell’introduzione di Alda Giambelluca Kossova, e a cui furono aggiunte delle parti nei decenni successivi, viene narrata l’origine della tiara bianca e la sua importanza per l’ortodossia russa e soprattutto per la città di Novgorod. Dopo Kiev, con cui aveva rivaleggiato per lungo tempo, fu la città più importante della vecchia Rus’ (prima dell’ascesa di Mosca). Infatti Mosca, fino al 1478, anno della conquista di Novgorod, restava ancora poco più di un grosso villaggio, costruito in legno, un borgo di commercianti e cacciatori e non poteva certo vantare l’antica storia della città appena conquistata. La Grande Novgorod, già Repubblica indipendente, privilegio che conserverà anche sotto la dominazione mongola dietro il pagamento di un tributo, era il vero cuore pulsante dell’ortodossia russa, almeno fino alla già citata conquista da parte di Mosca. Comunque qui non ci interessa tanto la storia della città, ma il racconto della tiara bianca. Di cosa si tratta?BA786A92-4627-4DEA-8301-366647B96CAA_1_201_a

Il libro narra la nascita e il viaggio avventuroso che ebbe il prezioso oggetto. La tiara bianca fu donata dall’imperatore Costantino, a seguito di una visione avuta da Dio, al papa Silvestro I, prima che l’imperatore stesso andasse a fondare la nuova città di Costantinopoli. Fu una specie di passaggio di consegne del potere temporale e una conferma dell’approvazione divina verso il papa. Riallacciandosi alla Donatio Constantini, sconfessata da Lorenzo Valla nel 1440, il racconto reinterpreta in chiave russa il privilegio, voluto da Dio, di considerare la città di Novgorod come il nuovo centro spirituale del mondo ortodosso russo. I papi venuti dopo Silvestro I, prosegue il racconto, erano ormai deviati e corrotti, guidati da Satana, e non più degni di possedere la tiara bianca come simbolo di potere e religiosità. I papi cercarono di distruggerla in tutti i modi ma Dio non lo permise e infatti fece approdare la tiara a Costantinopoli, per sottrarla ai deviati latini. Tuttavia anche questa città si fece corrompere dal maligno e venne punita con la conquista agarena (cioè saracena). Quindi Dio volle che l’oggetto tanto prezioso arrivasse a Novgorod, città devota e degna di tanto onore. La città santa nel custodire la tiara bianca lo faceva a nome di tutto il popolo russo, contrapponendosi dal punto di vista delle idee alle mire egemoniche di Mosca. Questa è in estrema sintesi il succo della storia.

È interessante sottolineare che i vescovi di Novgorod indossavano un copricapo candido, gli unici a farlo in Russia. Quindi, probabilmente, la storia nacque da questo dato di fatto storico. È una storia che vuole dimostrare soprattutto tre cose: la supremazia della religione ortodossa rispetto alla corrotta e deviata religione cattolica; la preminenza religiosa e storica di Novgorod rispetto a Mosca e a qualsiasi altra città russa; e infine la fiera indipendenza della città contro le mire assolutiste di Mosca. Purtroppo questa idea di indipendenza fu pagata a caro prezzo. Infatti nel 1570 Ivan IV il Terribile massacrò una parte della popolazione e il restante fu schiavizzata e resa inerte.

Anonimo, Storia della tiara bianca, Palermo, Sellerio Editore, 2000, pp. 85. 



Categorie:Antropologia, Filosofia, Libri, Politica, Società, Storia

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: