Massimo Centini – Il linguaggio esoterico di Hieronymus Bosch

Il Trittico delle delizie tra iconologia e mistero

Cosa sapete del Trittico delle delizie? L’avete mai visto? Se sì, cosa ne pensate? Ebbene, l’opera si trova al Museo del Prado di Madrid ed è uno dei quadri più indecifrabili ed enigmatici dell’intera storia dell’arte europea. In questo lavoro, Massimo Centini, antropologo culturale e autore di numerosi lavori, soprattutto incentrati sulla religione, storia ed esoterismo, cerca di svelare l’enigma di questo dipinto e del perché Hieronymus Bosch l’abbia fatto. Il dipinto, chiamato Il Trittico delle delizie (indicato da Centini dipinto tra il 1503-1504), è diviso in tre parti e misura 220 cm per 195. Il dipinto è considerato una delle maggiori opere del periodo maturo dell’artista.

Nipote, figlio e fratello di pittori, Bosch iniziò l’apprendistato fin dalla più tenera età nella bottega di famiglia. Nacque in Olanda, nella regione del Brabante, nel 1453. Dopo la morte del padre, avvenuta nel 1478, Bosch continuò il suo lavoro, dipingendo le pale incompiute del padre. Prima del 1480 si sposò con una donna benestante che gli portò una cospicua dote matrimoniale. Bisogna considerare, per inquadrare bene il periodo storico, che Bosch operò nell’epoca in cui uscì il Malleus maleficarum – scritto da due domenicani tedeschi, Jakob Sprenger e Heinrich Institor – che presto divenne la bibbia degli inquisitori contro le streghe. Bosch prima di arrivare a dipingere il Trittico dipinse opere  come La nave dei folli (1494, ispirato dall’omonimo libro satirico di Sebastian Brant), Estrazione della pietra della follia (1494, qui Bosch sembra volesse ironizzare sulla scienza medica del suo tempo) e il Prestigiatore (1502). Nel 1503-1504, ma sulla data esatta esistono delle discordanza tra gli studiosi, Bosch dipinse il Trittico. ED9E4AC3-FBB1-4D8E-87B9-C60D31F2016E

Su questo dipinto è stato scritto di tutto: opera satanica, esoterica, moralizzatrice, perversa, ermetica, altamente simbolica e con riferimenti cristiani, pedagogica, con riferimenti proveniente dall’alchimia, ecc. Spesso, come spiega bene Contini nel libro, si fa una grande confusione quando si parla di esoterismo. Infatti molte persone confondono esoterismo con satanismo, spiritismo e magia. In verità esoterismo significa che c’è un significato più profondo e nascosto nella realtà che ci circonda e questa realtà può essere racchiusa all’interno di un quadro, di un libro o in qualsiasi simbolo usato dagli uomini. Esoterismo è da sempre legato alla religione, ma anche alla quotidianità in cui viviamo. In antico greco esoterikós significa intimo, interno. Quindi nel Trittico, continua Contini, esiste certamente un linguaggio esoterico e questo è evidente dalla scelta degli oggetti ritratti. Per esempio l’utilizzo dei grilli è emblematico a proposito. I grilli, usati fin dall’antichità, indicavano deformazioni fisiche e aspetti mostruosi nei soggetti disegnati e venivano ritratti, molto spesso ma non sempre, con molteplici teste in corpi deformi o minuscoli. Erano un indice di mostruosità. Un altro oggetto usato è l’uovo, che può essere espressione positiva del dominio armonico del corpo, o luogo di rifugio primordiale dimostra la possibilità di racchiudere in un solo involucro, il pensiero e la materia, l’alfa e l’omega, per dirla con le parole di Centini. La fragolaaltro elemento usato da Bosch, indica invece la cupidigia e il peccato (così come la mora e la ciliegia). La civetta rappresenta la morte; i vetri invece sono un chiaro riferimento al mondo dell’alchimia, dove tutto si trasforma e si muta, in un continuo divenire.

Per concludere, perché non voglio svelarvi troppo il contenuto del libro, sull’opera di Bosch permangono molti dubbi e ipotesi, spesso contrastanti tra loro. Forse, ma non c’è nessuna sicurezza in merito, l’artista olandese appartenne a una setta protestante chiamata degli Adamiti, che propugnava una vita sessuale sfrenata, perché solo così, cioè attraverso il peccato, ci si poteva avvicinare a Dio. (Questa setta mi ricorda da vicino quella russa dei Chlysty, di cui faceva parte Grigorij Rasputin). O forse, più semplicemente, fu un’opera che condannava il peccato degli uomini e la loro cupidigia sessuale e la ricerca smodata di piaceri terreni. Se volete saperne di più, leggetevi il libro di Massimo Centini.

Centini, Massimo, Il linguaggio esoterico di Hieronymus Bosch. Il “Trittico delle delizie” tra iconologia e mistero, Catania, Gruppo Editoriale Bonanno, 2014, pp. 128. 



Categorie:Arte, Curiosità varie, Filosofia, Libri, Poesia, Storia

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: